Translate

martedì 11 luglio 2017

Iridologia

Iridologia

Si occupa di studiare le relazione tra l'iride e il corpo.
Attraverso l'osservazione è possibile scoprire l'eredità dei genitori, i punti deboli, quelli di forza della costituzione  e le alterazioni energetiche  che possono provocare disturbi psicofisici.
Si possono analizzare i pigmenti  della trama iridea e che si possono vedere grazie ad una lente.
Certo occorre sempre ricorrere ad uno specialista.
l'iride può essere di colore marrone oppure azzurro. Può essere anche verde  e viene chiamata iride misto  perché di colore azzurro con punte di oro marrone rosso mattone.

Marrone

E' il colore che assumono sull'iride le tossine che creano sofferenza la fegato.
In genere il marrone scuro può essere segno difficoltà a eliminare la bile e le sostanze tossiche che il fegano ha reso inattive.
Quando la sovrapigmentazione è di colore marrone molto scuro o addirittura nero  il sovraccarico interessa il sistema respiratorio per esempio a causa di inquinamento o fumo di sigaretta.

Giallo

Il giallo paglierino è collegato a collegato a scarti (tipo acidi urici) che non riescono  a essere smaltiti dall'apparato urinario. Un pigmento giallo arancio  può indicare la presenza di acido piruvico non eliminato.

Arancio

l'arancio indica problemi relativi all'apparato genitale  per esempio disturbi del ciclo  oppure  alterazione degli spermatozoi

Rosso 

Il rosso è collegato alla funzionalità dell'ipotalamo  e ipofisi e delle ghiandole endocrine. Se il colore è particolarmente brillante  ci viene indicata la presenza di tossine di ordine emotivo  stress o emozioni represse.

Viola

Il viola si nota soprattutto nell'iride azzurro  e ci informa che il sistema immunitario è debole e  potrebbero  verificarsi allergie.

Bianco

Il bianco indica un'infiammazione e dove c'è n'è una  ci sono scarti  metabolici che devono essere drenati

Grigio

E' presente se ci sono zone in cui sono diminuite le capacità fisiologiche  di un organo e dove vi è un minor afflusso di sangue

giovedì 6 luglio 2017

antistress - le tecniche

antistress - le tecniche

Lo stress è una reazione  a input negativi  delle situazioni personali quando diventa cronico  il primo effetto è quello di abbassare le difese immunitarie.
Può danneggiare il cuore  con la maggiore quantità di catecolamine aumentano la frequenza cardiaca e fa in modo che il cuore non lavori nel migliore dei modi e si alza la pressione arteriosa.
Questo compromette  la qualità e la quantità delle ore di riposo.
Lo stress coinvolge tutto il corpo aumentando il rischio di diabete di tipo 2  aumenta l'adrenalina  e cortisolo innescando la iperglicemia.
C'è rischio di cadere in depressione e il rischio di disturbi del comportamento alimentare.

Per diminuire lo stress la respirazione  diaframmatica roteando indietro le spalle  abbassandole così il torace si apre  e la respirazione diventa profonda e può cosi ridurre  gli effetti nocivi dello stress.
La pratica dello yoga e della meditazione con attenzione alla respirazione  possono riequilibrare  la produzione delle sostanze collegate allo stress.
Lo stress non è altro che un accumulo di energie che crea affaticamento.

Anche  la mindfulness  adottata anche negli ospedali  può ridurre  lo stress psicofisico soprattutto nei pazienti ma anche nei dottori.
Si basa su tecniche di meditazione focalizzandosi sul respiro coinvolgendo il corpo si guarda solamente al presente dimenticando passato e futuro una pratica dimostrata anche scientificamente.

Anche vivere in modo salutare facendo attività fisica aiuta a controllare lo stress soprattutto a contatto con la natura.

I fitofarmaci aiutano a evitare gli effetti nocivi dello stress  soprattutto il ginseng e la rodiola rimedi naturali che  migliorano la resistenza fisica allo stress riducono il cortisolo.

In ogni caso prima di tutto consultare un medico che può dare i consigli più adatti.

mercoledì 5 luglio 2017

calo di pressione come combatterlo

calo di pressione

Debolezza con anche mal di testa  difficoltà a concentrarsi  tutto questo potrebbe essere dovuto a un calo di pressione soprattutto durante l'estate con il caldo eccessivo può capitare.
La pressione bassa si ha quando la pressione massima a riposo è al di sotto dei 90 mmHg e la minima dei 60 mmHg

la pressione bassa può essere cronica quando è pressoché costante oppure transitoria capita ogni tanto.
Se è cronica potrebbe essere causata da  malattie gastrointestinali o malattie del sistema nervoso oppure disfunzioni endocrine  anemia.
Se è transitoria le cause possono essere disidratazione passeggera eccessiva sudorazione  o abitudine a bere poco oppure un caldo eccessivo  per la dilatazione dei vasi sanguigni.
Nei casi più gravi può portare a vertigini sudore  annebbiamento della vista fino allo svenimento.

Per combatterlo una corretta alimentazione è la prima cosa importante che deve essere varia e completa. Sono da ridurre i grassi gli zuccheri raffinati le carni rosse salumi dolci e snack.
 Importante bere molta acqua  per evitare la disidratazione. Da evitare gli alcolici che aiutano ancora di più a dilatare i vasi sanguigni.

Spesso servono degli integratori di magnesio e potassio che si perdono con il sudore.
Utile masticare un bastoncino di liquirizia  che contiene glicirrizina che aumenta il sodio. Validi anche ginseng  guaranà  eleuterococco rodiola. Sempre chiedendo consiglio al medico.
Consigliato anche il nuoto ginnastica isometrica cioè contrazione muscolare senza movimento ma con forte tensione

stili di vita

quando non fa caldo usare calze elastiche

dormire con la testa sollevata di circa 20 - 25 cm rispetto ai piedi

evitare bagni sopra una temperatura di 34 gradi sauna e bagno turco

non stare a lungo in piedi in posti chiusi o dove vi sia tanta gente

I farmaci

FLUDROCORTISONE 
MIDODRINA
PIRIDOSTIGMINA
DIIROSSIFENILSERINA

discipline nuove per allenarsi

allenarsi per l'estate

SUPERJUMP

una tecnica che prevede l'utilizzo di un mini trampolino  elastico,  non stressa  le articolazioni  e la colonna vertebrale. Inoltre accelera il metabolismo.
Si può  aiutarsi con pesi e questa pratica si chiama Thunderbell. Tonificante e molto intensa è ideale per raggiungere un alto livello di allenamento.

TONE STEP

 Già conosciuto lo step ma in questa versione è più tonificante e coinvolgente. Nonostante la fatica e il sudore  il ritmo della musica lo rende un divertimento.
Salire e scendere  dallo step tonifica i glutei e cosce aiutatevi con le braccia.
Con un po' di pratica funzionerà benissimo.

JUNGLE CHALLENGE

Per migliorare sensibilmente il vostro fisico un allenamento cardio  ad alta intensità che prende ispirazione  dal mondo della giungla.
Ci sono 4 fasi  senza sosta di esercizi che riproducono i movimenti di animali selvatici dal coccodrillo al bisonte.
Durante  la sessione di 25 minuti  lavorano tutti i muscoli e si arriva a bruciare 600 cal.
Con la musica è più divertente.

CALISTHENICS

Difficile disciplina ma non impossibile adatto a tutti  perché i movimenti sono semplici e basilare ma altamente performanti  alla sbarra si eseguono trazioni addominali e esercizi che permetto di avere un fisico forte e agile.

REAX

Si tratta di esercizi dallo yoga a quelli per la tonificazione da svolgere su una floating board che sfruttando  il movimento dell'acqua  costringe a movimenti per reagire alla fluttuazione. Innovativo  anche il bilanciere con due fluidball che sfrutta lo stesso sistema di acqua.


POLL

Un'attività  in acqua che si basa sull'utilizzo di una barra indicato per chi voglie svolgere un'attività intensa  ma anche per riabilitazione. Si bruciano i grassi e tonificano tutti i muscoli il tutto in acqua.

FIT PADDLING

Nuova disciplina  che si basa su esercizi di fitness tradizionali  e su movimenti del patting su tavola galleggiante  la fitness board. Coinvolge tutti i muscoli  migliora anche equilibrio e resistenza coordinazione e postura

VE&RING

Un'evoluzione di esercizi a corpo libero di fit boxe. Originale unisce le tecniche degli sport da combattimento  alla semplicità dei movimenti classici del fitness e della ginnastica in generale.

SPORT CROSSFIT

Allenamento completo della preparazione fisica di tutte le discipline sportive. Adatto a tutti è un insieme di sollevamento pesi, fitness, ginnastica ritmica ecc.

sabato 27 maggio 2017

farmaci e generici

farmaci e generici

Quando bisogna seguire una terapia abbiamo bisogno di conoscere bene i farmaci che prendiamo.
Ultimamente nelle farmacie sono stati inseriti di fianco ai farmaci tradizionali i farmaci generici molto spesso ci mettono in confusione.
Anche perché siamo abituati a vedere la stessa scatola e variando la confezione ciò può portare a prendere farmaci in modo inadeguato
Soprattutto la scatola di forma o di colore diverso ci mettono in difficoltà  e spesso si può sbagliare assunzione con il rischi che ciò comporta soprattutto se dobbiamo prendere più di un farmaco.

Per non confonderci il consiglio è quello di  munirci di tabelle  e promemoria.
Se il farmaco non è stato assunto come indicato dal medico perché magari in casa abbiamo molti farmaci con lo stesso principio attivo. Capita di prendere due volte lo stesso farmaco con conseguenze sulla salute.
Chiedere informazioni al medico di fiducia o al farmacista cosa fare in questi casi è molto importante per non incorrere a problemi più seri.

Soprattutto gli anziani devono prestare più attenzione alle scatole meglio su ognuna segnare a cosa serve e eventualmente orari e assunzioni.


giovedì 30 marzo 2017

glicemia alta - cosa fare ?

glicemia alta - cosa fare?

Molte sono le persone che soffrono di questo malattia metabolica. Le conseguenze sono  aumento delle malattie cardiovascolari  ictus disturbi renali  vista cecità  ma anche disfunzione erettile e problemi di cicatrizzazione.

Visto questi rischi  conviene imparare a prevenirla  cioè tenere nei livelli di guardia la glicemia tra i 70 e i 99

La prima cosa da fare è la lotta all'obesità  che si combatte con attività fisica e giusta alimentazione. Non si tratta però di soffrire  a tavola rinunciando a tutto quello che ci piace  ma seguire una dieta equilibrata  povera di zuccheri semplici  di grassi saturi  di carne rossa dei salumi dei formaggi e di burro  e ricca di fibre  che rallentano l'assorbimento di grassi e carboidrati  quindi del glucosio.

E' importante inoltre non esagerare con il consumo delle calorie mantenendo la forma e controllare il diabete. Senza farsi tentare dai fuori pasto  o fine pasto a base di zuccheri semplici che non devono superare il 5 - 10 % delle calorie giornaliere. L'unica fonte di zuccheri dovrebbe essere la frutta  per il suo contenuto di acqua fibre vitamine sali minerali.

Aumentate le verdure cotte e crude a pranzo a cena da aggiungere al sugo  per arricchire un piatto  di pasta  ma anche di riso e cereali  orzo farro ecc.

Il pane  e i cereali sono componenti necessari  nell'alimentazione da preferire quelli integrali a quelli  raffinati  perché più ricchi di fibre che mantengono in equilibrio la glicemia.

Ottimo anche il mix di legumi e verdure ceci e lenticchie.

La quota dei carboidrati deve arrivare al 55% dell'apporto calorico mentre le proteine al 15 %.
Meglio assumere le proteine con il pesce  soprattutto quello azzurro ( sardine sgombri  alici )  che ricco di acidi grassi  insaturi e polinsaturi  ha un indice glicemico basso  e può aiutare a diminuire il livello di zuccheri nel sangue  anche se consumato  insieme a carboidrati semplici alternato a carne bianco come pollo tacchino  mentre la carne rossa e i salumi devono essere ridotti moltissimo:

Tra i condimenti che vanno a coprire la quota giornaliera di grassi  30% va privilegiato l'olio extravergine di oliva fonte di vitamine e preziosi  grassi insaturi che svolgono un'azione antiossidante e antiinfiammatoria.

Dal punto di vista del profilo lipidico è anche ottima la frutta seca  pinoli noci pistacchi potrebbero essere un  sano spuntino di metà mattina  o di pomeriggio e regalare  sapore a primi e secondi piatti. Prestando però attenzione al loro contenuto calorico che è altro 
Limitarsi a tre quattro noci  una manciatina di pinoli.
Il vino un bicchiere al giorno  150 ml.

lunedì 30 gennaio 2017

Influenza errori da evitare

Influenza errori da evitare

i sintomi delle influenze possono essere diversi : starnuti e naso che cola oppure mal di gola febbre alta o ossa a pezzi.
 Nonostante tutte le precauzioni è facile prendersi l'influenza o sindrome parainfluenzale perchè in questo periodo ci sono moltissimi virus in circolazione.
I consigli da seguire sono mettersi a letto e riposare e usare farmaci e rimedi.
 In caso di raffreddore si possono usare antistaminici che riducono il muco e le lacrime, disponibili sia sotto forma di compresse o gocce come tutti i farmaci hanno delle controindicazioni possono provocare sonnolenza quindi è meglio evitare se dovete guidare o lavorare.

Di notte si fa fatica a respirare ? per respirare meglio e liberare il naso chiuso ci sono molti decongestionanti spray gocce nebulizzatori che contengono vasocostrittori cioè riducono il gonfiore della mucosa i irritata e diminuiscono la produzione di muco.
non bisogna usare troppo questi decongestionanti perché abbiamo un effetto collaterale una congestione di rimbalzo cioè se gli si usa troppo spesso il naso si tappa di più. Ci sono inoltre cerotti nasali che facilitano il passaggio dell'aria.

 Per la febbre alta non servono  gli antibiotici che hanno il compito di combattere le infezioni batteriche ma l'influenza non è causata da un batterio manda da un virus. Per abbassare la febbre ci sono gli antipiretici che bisogna prendere quando la febbre supera i 38 gradi. In ogni caso bisogna seguire i consigli del medico e del bugiardino non superando  le dosi consigliate.
Se il raffreddore lo prende un bambino di soli 2 anni per alleviare i sintomi si possono usare i farmaci .
 Per controllare la febbre alta è consigliabile somministrare un antipiretico ricorrendo al paracetamolo o ibuprofene preferibilmente in gocce o sciroppo. Quando il  piccolo non riesce ad assumere per via orale per esempio se gli viene da vomitare si può scegliere le supposte.
Per il naso chiuso sono consigliabili pulizie nasali da fare più volte al giorno con fialette di soluzione fisiologica sterile. L' aerosol meglio usarlo in caso di tosse

Durante il ciclo mestruale è meglio non assumere l'acido acetilsalicilico che essendo un antiaggregante piastrinico aumenta il flusso.
Si può si può prendere paracetamolo naprossene ibuprofene per il mal di stomaco a stomaco pieno e con dell'acqua.
 Per alleviare il mal di gola si possono usare anestetici locali antisettici Spray caramelle colluttori che servono disinfettare la gola e quindi a calmare il bruciore.
 Se i sintomi sono comunque gravi meglio consultare il medico

 se l'influenza intestinale è un'infezione virale che colpisce l'intestino. Meglio non prendere troppi antidiarroici  perché è meglio che il disturbo faccia il suo corso e che il corpo si depuri.
se è presente il vomito si può ricorrere un antiemetico come il metoclopramide.
Gli antibiotici
sono inutili anzi dannosi per che infiammano l'intestino e influiscono negativamente sulla flora batterica già provata dalla malattia