Translate

lunedì 19 gennaio 2015

olio essenziale all'arancia fatto in casa

dalla buccia dell'arancia è possibile  ricavare anche in casa l'olio essenziale
sbucciate l'arancia rigorosamente biologica  o non trattata  premete con pazienza la scorza raccogliendo le gocce in un piattino  diluitele con mezzo cucchiaino di olio extravergine di oliva e conservate in una boccetta di vetro  scuro  si può unire nella misura di 2 gocce ogni 50ml di crema neutra per massaggiarla sul corpo 2 volte al  giorno  per il trattamento della cellulite

te lo leggo nelle unghie

le unghie sono rivelatrice del nostro stato di salute generale le unghie che si sfaldano potrebbero essere indice di cattiva digestione stanchezza o irregolarità  mestruale
macchie bianche  possono indicare  carenza di sali minerale  striature longitudinale potrebbero essere indice di artriti  artrosi  o problemi alle vie urinarie quindi "leggete" le vostre unghie

martedì 13 gennaio 2015

le smagliature

l'adolescenza e la gravidanza e l'allattamento sono i periodi  più a rischio per le smagliature, ma anche  repentini  aumenti e diminuzioni di peso (per esempio in seguito a una dieta troppo drastica) ne provocano la comparsa
prevenire è la parola vincente
bisogna rendere il più possibile elastica la pelle  assicurandole una buona idratazione
se le avete già bisogna continuare a trattarle in modo che non peggiorino

ZONE A RISCHIO

Le smagliature  sono provocate da rottura delle fibre connettive del  tessuto cutaneo e si presentano come strisce che lasciano  trasparire  la rete dei capillari  sottostante è questo il motivo  della loro colorazione rosso violacea che tende a diventare biancastra quando le smagliature si cicatrizzano
colpiscono soprattutto il seno  i fianchi i glutei e le cosce possono comparire sotto le braccia  all'interno delle ginocchia e sul polpaccio

AFFRONTIAMOLE SUBIRO
 se le smagliature vengono curate fin dalla loro comparsa quando sono ancora di colore rosso  violaceo possono essere ridotte visibilmente
iniziate subito un trattamento a base di collagene da applicare una o due volte al giorno  sulla pelle ben pulita e asciutta
meno efficace ma non inutile  è anche  una qualsiasi crema nutriente  infatti se usata costantemente mantiene la pelle elastica

IL MASSAGGIO

dopo aver applicato  la crema sulla parte del corpo  interessata da smagliature  massaggiatela con movimenti  lenti e prolungati  fino al completo assorbimento

sulle gambe  disegnate tanti cerchi  con il palmo della mano dal basso verso l'alto
sull'addome  eseguite un massaggio circolare  attorno all'ombelico
sul seno disegnate un 8 che si incrocia  tra i due seni all'altezza dello sterno

QUANDO CI VUOLE UN DERMATOLOGO

per cancellare completamente le smagliature si può ricorrere alla dermoabrasione con il laser  un trattamento simile a quello utilizzato per le cicatrici  in un numero di sedute il dermatologo valuterà in base alla gravità  e all'estensione dell'inestetismo se la pelle ritornerà alle sue condizioni normali
questa tecnica garantisce  dei buoni risultati  solo se le  smagliature sono giovani  mentre in caso di smagliature vecchie  l'efficacia è ridotta
ovviamente la dermoabrasione non impedisce la comparsa di nuove smagliature  è quindi importante una continua prevenzione

la doccia - una sferzata di energia con le tecniche giuste

il getto tonificante della doccia è un vero e proprio massaggio che  risveglia la pelle  e che se eseguito  con alcuni accorgimenti  fa ritrovare forza e vitalità

PRIMO VANTAGGIO : LA RAPIDITA'

Al mattino  quando il tempo a disposizione è ridotto la doccia è ideale non occorrono più di 4 o 5 minuti e questo permette poi di  disporre  di ancora più tempo  per applicar una crema per il corpo  e per truccarsi

LE TECNICHE 
 
per quanto riguarda le modalità della doccia, ci sono diverse tecniche gradevolissime, che oltre ad accentuarne  l'effetto energizzante si prendono cura  anche della bellezza della pelle
 
 
il massaggio con il guanto di crine
 
aiuta a levigare l'epidermide, elimina le cellule morte  ed è particolarmente  indicato per le zone ruvide come gomiti e ginocchia
meglio inumidirlo  prima di utilizzarlo  sulla pelle bagnata, appunto durante la doccia con piccoli movimenti  circolari delicati  per evitare arrossamenti  nelle parti più sensibili
si utilizza a giorni alterni  o una volta alla settimana
la spugna
 
è un ottimo aiuto per applicare il bagno schiuma  ma non solo
a doccia ultimata potrete impegnarla di acqua fredda poi appoggiarla sul seno per renderlo più tonico
 
il doccia schiuma
 
se scelto con attenzione  ha il potere di cancellare la stanchezza della pelle e anche della mente
infatti le essenze come quelle di menta  limone e lavanda  sono particolarmente tonificanti  e scaccia stanchezza  a effetto immediato  oltre che  a lasciare  la pelle gradevolmente  profumata  unica precauzione  non applicateli su pelle asciutta  ma umida oppure emulsionare  il prodotto nelle mani con acqua tiepida
 
ATTENZIONE ALLA TEMPERATURA
 
quella dell'acqua  è determinante
se è molto calda può dare spossatezza e mancanza di tono
l'ideale è vicino ai 37 ° con qualche eccezione
per esempio per decongestionare le gambe affaticate  a fine doccia  utilizzate l'acqua fredda
orientando il getto prima sul piede destro poi salendo quindi ripetete con la sinistra
 
BENESSERE TOTALE
 
uscendo dalla doccia  avvolgetevi per un attimo nell'accappatoio per assorbire l'acqua in eccesso poi
strofinate energicamente tutto il corpo  con un telo in spugna morbida  immediatamente viene stimolata la microcircolazione  cutanea la pelle si ossigena e il colorito diventa roseo
è il momento migliore per applicare un prodotto di trattamento come la crema idratante  o uno specifico contro la cellulite  o rassodante
i principi attivi saranno più efficaci  grazie alla ricettività della pelle
 


lunedì 12 gennaio 2015

capelli - l'hennè quale scegliere e come applicarlo

ci sono due tipi di hennè :
quello propriamente detto che regala ai capelli un'intensa sfumatura rossa
e quello  neutro che da riflessi rossi ma molto meno marcati
vengono poi chiamate  hennè anche  altre colorazioni in cui la polvere naturale è invece arricchita con una piccola parte di tintura chimica
questi prodotti  accendono la chioma  di riflessi biondi mogano  e bruni impossibili da ottenere con un hennè naturale

DA SAPERE
se volete passare dalla tintura chimica a base di ammoniaca  o ossigeno a questa tintura naturale  fate attenzione :
l'incompatibilità dei due colori potrebbe creare un brutto colore finale  che nel peggiore dei casi  vira addirittura al verde
se non volete correre rischi prima dell'applicazione fate un test su una ciocca nascosta  se supera la prova  procedete  poi su tutta la capigliatura

COME PREPARARLO
l Si acquista in erboristeria  e si conserva anche per molto tempo  se posto in un sacchetto ben chiuso
ne occorrono  per ogni applicazione circa 3 cucchiai da cucina se la capigliatura è media  due per i capelli corti e quattro o cinque sui capelli lunghi
per la preparazione  :
versate la dose giusta in una ciotola e aggiungete l'acqua  un cucchiaio alla volta in modo che non si formino grumi l'impasto non deve essere troppo liquido altrimenti potrebbe colare
mettete la ciotola a bagnomaria  e scaldate  per 15'  senza portare ad ebollizione  lasciate intiepidire  quindi applicate
ATTENZIONE
agli abiti non dovete assolutamente macchiarli perché la macchia è indelebile

COME APPLICARLO

  • con un pettine dividete i capelli in tante ciocche  e fissatele con delle mollettine 
  • prima di iniziare proteggete la pelle intorno alla attaccatura dei capelli  stendendo  abbondante crema idratante  con un batuffolo di cotone così eviterete di sporcare la  pelle se volete indossate guanti in lattice per non sporcarvi le mani
  • con l'aiuto di un pennello e un pettine iniziate ad applicarlo  a partire dalla radice dei capelli  cominciate dalle ciocce della zona alta della testa per arrivare alla nuca
  • dopo aver applicato il prodotto sulla radice distribuitelo sulla lunghezza della ciocca prima passando con il pennello poi il pettine se è troppo asciutto allungatelo con acqua calda
  • una volta applicato dovete massaggiare con cura  se dedicherete un pò di tempo a questa operazione il risultato sarà migliore
  • indossate una cuffia da doccia oppure pellicola trasparente da cucina  lasciando in posa per 30'
  • lavatevi i capelli e applicando  uno shampoo su tutta la  lunghezza dei capelli  e risciacquare attenzione allo shampoo sceglietelo con ph acido  per renderli più brillanti

mercoledì 7 gennaio 2015

scegliere lo shampoo adatto

chi non è sicura delle caratteristiche dei propri capelli può farsi aiutare dal  parrucchiere
una volta individuate, la scelta dello shampoo dovrà  orientarsi su quelli specifici del proprio problema in generale, gli annunci  più "amati" dai capelli (anche normali) contengono estratti  vegetali come quelli di frutta e ammorbidenti, nutrienti, rinforzanti .
inoltre un buon prodotto non deve produrre molta schiuma che aggredisce la fibra capillare

FANNO MALE AI CAPELLI

  •  i lavaggi eccessivi quando non sono necessari
  • massaggiare con troppa forza radici e punte
  • usare il bagnoschiuma al posto dello shampoo; se si fa la doccia  optare per il doccia schiuma o un prodotto espressamente  2 in 1 (capelli + corpo)
  • usare acqua troppo calda o al contrario freddissima :oltre che a indebolire il capello  possono provocare irritazione al cuoio capelluto
  • strofinare e strizzare i capelli  a fine shampoo per eliminare l'acqua meglio avvolgerli in un asciugamano morbido e lasciare che l'acqua venga assorbita
SHAMPOO COLORE E PERMANENTE

il più delle volte è il parrucchiere stesso a consigliarvi il prodotto giusto nel caso di capelli trattati
comunque se siete solite fare il colore a casa e quindi la consulenza del parrucchiere è riservata poche volte all'anno  dovete sapere che i capelli trattati o permanentati hanno bisogno di uno shampoo specifico
quello per capelli colorati è arricchito con principi attivi  che mantengono  a lungo il colore inalterato  evitando che sbiadisca  troppo presto
quello per i capelli permanentati invece mantiene elastica la fibra capillare ed evita che si pezzi  o perda la naturalezza del movimento creato

la salute dei capelli - lo shampoo istruzioni per l'uso

E' un momento poco considerato invece è  il primo gesto di cura dei propri capelli 
lo shampoo co prodotti giusti può contribuire  ad attenuare alcuni problemi come la forfora, il grasso e la disidratazione  eccessiva. Addirittura può far insorgere nuovi problemi o accentuare quelli presenti

istruzioni per l'uso

  • prima di tutto inumidire i capelli co acqua tiepida poi  mettere una noce di shampoo nel palmo della mano  con acqua ed emulsionare
  • applicate il prodotto sui capelli avendo cura di massaggiare bene  la cute senza graffiarla e soprattutto detergere bene la lunghezza che è la parte della chioma più soggetta a sporcarsi
  • se lo shampoo è arricchito con balsamo lasciate in posa  un paio di minuti  quindi risciacquare  con abbondante acqua
  • ripetere una seconda volta solo se il lavaggio non è quotidiano se così fosse  usate poco prodotto e una volta  sola per non aggredire troppo la cute

cosi fanno in salone
il momento dello shampoo è il primo gesto di cura per dare energia e bellezza alla capigliatura importanti sono i massaggi effettuati durante il lavaggio
prima di tutto si stimola il cuoio capelluto  effettuando con due dita  lievi movimenti  circolari  prima verso l'alto poi discendenti  verso il viso  fino alle orecchie
poi si ripetono  gli stessi movimenti  circolari  contemporaneamente ai lati della testa
da queste due zone si scende  verso la nuca  con delicatezza e poi fino alla base delle spalle  per stimolare  la zona cervicale  infine si esercitano  lievi pressioni per alcuni secondi  nella parte alta della testa tra le tempie e la nuca